Crollo del condominio di via Giotto a Foggia: ancora tanto da fare

Sono passati più di 20 anni dal crollo del condominio di via Giotto a Foggia e ancora oggi restano tanti interrogativi. Innanzitutto capire la prevedibilità di eventi simili capire quanto le istituzioni sono pronti a recepire una problematica comune che riguarda la staticità e la manutenzione degli edifici condominiali. passato più volte stata segnalata l’opportunità della creazione della carta del condominio, un documento che serve a identificare le problematiche riguardanti la praticità e tutti i lavori di manutenzione eseguiti su ogni stabile condominiale. cosa strumento dovrebbe servire a tutte le parti in causa a capire come eventualmente si può intervenire preventivamente e soprattutto nell’aiutare tutti i condomini a una migliore programmazione dei servizi di manutenzione. Purtroppo ancora oggi si guarda l’aspetto economico di tali interventi, ma questo limite deve essere necessariamente essere superato attraverso una normativa che consente alle assemblee di condominio di deliberare simili lavori in maniera più snella ed agevole. Sicuramente un altro interrogativo riguardo i limiti della amministrazione condominiale. Ancora oggi molti condomini si rivolgono a amministratori non professionisti, i cosiddetti amministratori fai da te, con pericolose ripercussioni sulla gestione condominiale. strano che nessuno a livello istituzionale intervenga circa la soppressione di tale figure, autentici spauracchi del mondo condominiale. Nonostante la cosiddetta riforma del condominio del 2012, ancora oggi resta aperta la discussione riguardante la conduzione del condominio all’ amministratore interno. questo problema ormai superato dall’eccessivo carico di responsabilità sulla figura professionale dell’amministratore, dovrebbe essere ormai accantonato magari nell’attesa di una ulteriore riforma del condominio. ma quello che preoccupa maggiormente oggi è l’assenza. della cultura condominiale. Ancora oggi ci si chiede come mai ci sia una scarsa informazione sulla materia condominiale e come mai i maggiori media trascurano questa tematica dando la precedenza tematiche molto più futili e insignificanti. il mondo dell’informazione deve necessariamente entrare a far parte dell’atmosfera condominiale consentire a tutti i condomini una maggiore conoscenza della normativa vigente. nell’attesa di questi cambiamenti possiamo solo sperare che nessun altro episodio simile agli sfortunati abitanti della palazzina di via Giotto di Foggia possa accadere in futuro.

Il condhotel

https://www.casasmart.blog/condohotel-tricarico-le-associazioni-degli-amministratori-possono-aiutare/amp/