Risse in condominio: quale la novità

Non sarà il Natale a rendere tutti più buoni e non saranno le regole a cambiare la vita in condominio, ma sicuramente la convivenza porta a situazioni limite. Ciò che colpisce di più è il limite di sopportazione all’interno di condomini che porta spesso alla esasperazione degli animi scaricando la colpa su amministratori incompetenti e leggi incomplete. Nei condomini vige la legge del più saggio che quella che porta anche il più mite degli agnelli a diventare la peggiore delle belve. La pazzia maggiore è quella scellerata forma di convivenza forzata, quella anarchica forma di convivenza che porta più condomini a condividere spazi comuni senza che alcuna tutela di legge possa rendere più mite una catena di rapporti già incandescenti. Ma il maggiore scetticismo è quello che porta soprattutto il legislatore a trascurare l’argomento condominio e a lasciare il libero arbitrio giudiziale nelle interpretazioni più disparate giurisprudenziali. Tutto ciò non può più accadere in uno stato civile e democratico e soprattutto sopraffatto da indifferenza e trascuratezza. Il maggior auspicio del 2021 è una naturale riforma del condominio che possa riportare la normalità in una degenerata forma di convivenza.